Firenze è il museo a cielo aperto per eccellenza.

Dalla Cattedrale di Santa Maria del Fiore alla Cupola del Brunelleschi, dai giardini di Villa Bardini al Campanile di Giotto, ogni angolo di questa città-scrigno racchiude tesori dell’architettura medievale e rinascimentale che attendono di essere ammirati e gustati con sguardo sempre nuovo.

Scoprirete che a Firenze la bellezza si può trovare ovunque, nelle vie meno conosciute della città o in dettagli sfuggiti agli occhi di altri visitatori: in ogni piazza, strada, palazzo storico rivivono i grandi artisti e mecenati del passato che hanno contribuito a renderla il fulcro culturale della Toscana.

DA VINCI CONSIGLIA: I DIECI FIORI ALL’OCCHIELLO DI FIRENZE

1. Galleria degli Uffizi e Corridoio vasariano

La Galleria degli Uffizi, uno dei musei più conosciuti al mondo, è suddivisa in sale dedicate ai diversi periodi artistici: qui sono ospitate opere di Giotto, Masaccio, Piero della Francesca, Botticelli, Caravaggio. Il Corridoio vasariano – progettato da Giorgio Vasari – si snoda al di sopra delle vie del centro storico e collega ancora oggi la Galleria a Palazzo Pitti.

2. Galleria dell’Accademia e David di Michelangelo

La Galleria, chiamata anche “museo di Michelangelo”, racchiude in un solo luogo il maggior numero di sculture del celebre artista rinascimentale: tra le opere più note è il David, simbolo della virtù e della libertà della Repubblica fiorentina.

3. Palazzo Pitti e Giardino di Boboli

Residenza ufficiale dei Granduchi di Toscana, oltre che dei Lorena e di Elisa Bonaparte Baciocchi, è oggi sede di importantissimi musei: la Galleria Palatina e gli Appartamenti Reali, la Galleria d’Arte Moderna (GAM), il Museo degli Argenti. Nel Giardino di Boboli, esempio di spicco di giardino all’italiana, fa mostra di sé un’eccezionale raccolta di sculture classiche.

4. Torre di Arnolfo e Piazza della Signoria

La Torre di Palazzo Vecchio svetta su Piazza della Signoria dal 1310: al suo interno nasconde una segreta che fu luogo di prigionia di Cosimo il Vecchio e successivamente del Savonarola.

5. Piazza del Duomo e Battistero

La Cattedrale di Santa Maria del Fiore (1296-1871) e la sua Cupola rappresentano il vertice dell’ingegno e dell’arte dell’architettura fiorentina. La facciata del Duomo, rimasta incompiuta, è rivolta al Battistero, dedicato al patrono della città, San Giovanni Battista: celebri le magnifiche porte del Battistero – di cui una è detta “Porta del Paradiso” – decorate da formelle bronzee di Andrea Pisano e Lorenzo Ghiberti.

6. Passeggiate sui Lungarni e Ponte Vecchio by night

Luogo perfetto per una piacevole passeggiata al tramonto prima dell’aperitivo, i lungarni tagliano elegantemente in due la città, arrivando fino al ponte Vecchio, il più antico ponte fiorentino. Sopravvissuto intatto all’alluvione del 4 novembre 1966, ospita le più belle botteghe orafe della città

7. Piazzale Michelangelo: la terrazza che si affaccia su Firenze

Il Piazzale offre una suggestiva e indimenticabile vista su Firenze e sull’Arno e costituisce sicuramente una sosta obbligatoria per i visitatori della città.

8. Percorsi enogastronomici tra ristoranti e osterie storiche

Firenze e il centro storico offrono una varietà pressoché illimitata di locali in cui cenare o degustare prodotti tipici accompagnati da un’immancabile bicchiere di Chianti. La semplicità delle materie prime della cucina fiorentina si presta sia alla fedeltà alla tradizione a tavola che alla creatività e all’innovazione gastronomiche.

9. Le vie dello shopping: moda, oreficeria e artigianato di alta qualità

Da Via Tornabuoni, una lussuosa via a pochi passi dal Duomo, all’Oltrarno, in tutta Firenze è possibile trovare negozi d’alta moda, oltre che pregiate botteghe artigiane di pelletteria e calzature – in particolare nel quartiere di Santa Croce – e oreficerie.

10. venti in città in ogni periodo dell’anno: dallo Scoppio del Carro alla festa di San Giovanni, dal Maggio Musicale alla festa della Rificolona

In ogni periodo dell’anno il calendario degli eventi di Firenze è ricco di appuntamenti: dalle rievocazioni storiche in costume tradizionale ad importanti vernissage culturali e manifestazioni musicali, fino al glamour di Pitti Immagine e alle novità nel settore dell’arredamento e del design proposte durante la Fiera dell’Artigianato.

Fino alla fine dell’emergenza coronavirus l’ingresso è consentito dalle ore 18.30 oppure entro le 10.30.
Questo per consentirci in piena sicurezza di sanificare tutti i giorni le camere e gli ambienti comuni.
La vostra e la nostra salute vengono prima di tutto.

Non esitate a contattarci per ulteriori informazioni.